Apocalisse Parte II – Scegliere la vita

Scegli biancheria intima firmata, nella vana speranza di dare una botta di linfa vitale ad una relazione defunta…Scegli le borse, scegli le scarpe con i tacchi, cashemire e la seta così sentirai quello che spacciano per felicità, scegli un iPhone fatto in Cina da una donna che si è buttata dalla finestra e mettilo nella tasca della giacca fresca di una fabbrica di schiavi del sud-est asiatico…Scegli Facebook, twitter, snapchat, instagram e mille altri modi per vomitare la tua bile contro persone mai incontrate. Scegli di aggiornare il tuo profilo, dì al mondo cos’hai mangiato a colazione e spera che a qualcuno da qualche parte freghi qualcosa. Scegli di cercare vecchie fiamme, augurandoti caldamente di non essere inguardabile come loro, scegli di scrivere un live blog dalla prima sega fino all’ultimo respiro, l’initerazione umana ridotta a niente più che dati…Scegli dieci cose sconosciute sulle celebrità che hanno fatto la plastica, scegli di strepitare sull’aborto, scegli battute sullo stupro di sputtanare, il porno per vendetta e un ondata infinita di deprimente misogenia… Scegli che l’11 settembre non è mai successo e semmai sono stati gli ebrei, scegli un contratto a zero ore, un viaggio casa lavoro di due ore e scegli lo stesso per i tuoi figli ma peggio e magari dì a te stesso che era meglio che non nascevano… e poi sdraiati e soffoca il dolore con una dose sconosciuta di una droga sconosciuta fatta in una qualche fottuta cucina…”Scegli le speranze non realizzate desiderando di aver agito diversamente, scegli di non imparare mai dai tuoi errori, scegli di osservare la storia che si ripete, scegli di riconciliarti lentamente con quello che puoi ottenere invece di quello che hai sempre sperato, accontentati di avere meno e fa buon viso a cattiva sorte…Scegli la delusione, scegli di perdere le persone care e quando spariscono dalla vista un pezzo di te muore con loro, finche non vedrai che un giorno del futuro una per volta saranno sparite tutte e di te non rimarrà niente nè di vivo nè di morto, scegli il futuro, SCEGLI LA VITA”.

Annunci

Zecharia Sitchin, Enki e la storia del mondo dalla Genesi

Zecharia Sitchin, chi era costui?

Zecharia Sitchin (Baku, 11 luglio 1920 – New York, 9 ottobre 2010) è stato uno scrittore azero naturalizzato statunitense. È stato autore di molti libri sulla archeologia misteriosa o pseudoarcheologia, e sostenitore della “teoria degli antichi astronauti” come spiegazione dell’origine dell’uomo.

Egli attribuisce la creazione dell’antica cultura dei Sumeri ad una presunta razza aliena, detta Elohim (in ebraico) o Anunnaki (in sumero), proveniente dal pianeta Nibiru, un ipotetico pianeta del sistema solare dal periodo di rivoluzione di circa 3600 anni presente nella mitologia babilonese. L’esistenza di corpi celesti oltre Nettuno, di grandi dimensioni è comunque tuttora oggetto di dibattito, specialmente dopo la scoperta di Sedna.

Nella fattispecie pubblico un video molto interessante, quasi commovente, in cui l’artista americano Tony Tuthill utilizza un brano del musicista Arthur Yoria per illustrare in un paio di minuti la visione a grandi linee della genesi dell’uomo formulata da Zecharia Sitchin. Visione che, personalmente, trovo tra le più coerenti attualmente formulate da qualsiasi scienziato olistico.

Ecco il video, a seguire una spiegazione redatta dal chimico Alessandro Demontis:

 

Ecco il video defacciato:

LA PIU’ VECCHIA STORIA
(di Alessandro Demontis)

In questo articolo, voglio mettere per iscritto il contenuto di questo video creato da Tony Tuthill come omaggio alla storia dell’ uomo così come raccontata ne ‘Il libro perduto del dio Enki’ di Zecharia Sitchin. Il video é intitolato ‘The oldest story… in the world’

Dopo una breve introduzione che dà l’ impressione di trovarsi in un cinema o una sala proiezioni, il video si apre al minuto 0:13 con una serie di immagini riferite alla cultura sumero-babilonese: si vedono il disco alato, l’ anello lunare del dio Sin, e all’estrema destra il trono colonnato e a baldacchino che compare in molti sigilli di Shamash, Ninsun e altre divinità. La parte bassa è piena di caratteri cuneiformi in stile babilonese.

Al minuto 0:20 compare il disco alato con dentro il dio Asshur, una delle più famose rappresentazioni del periodo assiro.

La slide con il titolo del filmato mostra in basso le tre piramidi di Giza, e nei credits abbiamo in sequenza il sistema solare disposto come nel mitico sigillo VA243 e successivamente un dio che lavora col piccone. Davanti a lui un carro da miniera per il trasporto di rocce e minerali, e in mezzo alla scritta dei credits sta l’ occhio dei ‘guardiani’, i Nefilim / Anunnaki o gli Igigi, ma anche l’ occhio di Enlil, che supervisionava la missione.

Al minuto 0:47 fa la sua comparsa l’ uomo primitivo, con in mano un osso a mo’ di clava, e davanti a lui, seduto, presumibilmente Enki.

Subito dopo, al minuto 0:53, fa la sua comparsa la caricatura di Zecharia Sitchin a una sua presentazione, con in mano il telecomando per le slides (Sitchin spesso conduce proprio così le sue presentazioni).

Ed ecco che inizia la proiezione… ci viene mostrato il nostro sistema solare come disposto nel VA243, e a sinistra Nibiru, mostrato come ‘pianeta della croce’. Il pianeta sta subendo delle variazioni climatiche, e un non meglio identificato dio (sembra lo stesso in tutta la storia, quindi presumibilmente Enki) a bordo del disco alato / navicella spaziale, accorgendosi del pericolo su Nibiru, ha la grande idea di provare a circondare il pianeta con un ‘velo’ di particelle d’ oro… scende così sulla Terra.

L’ atterraggio, ci fa capire il video, ha luogo in una zona pianeggiante ma su un rilievo. E’ Baalbek, dove vengono depositati i razzi e dove Enki trova degli umani primitivi.

Davanti a questi primitivi sbigottiti la navicella deposita dei lavoratori, che iniziano ad estrarre l’ oro e lo mandano nel luogo di atterraggio dei razzi, da dove questi partono per Nibiru. Al minuto 1:32 si capisce che Enki prende gli umani e apporta delle modifiche al DNA (quella catena che si vede assieme alle lettere) e li fa evolvere donandogli una lingua.

9000 anni più tardi (questo arco di tempo è forfettario, non ha riferimenti ma serve solo a far capire che passò parecchio tempo) abbiamo gli umani semi civilizzati, capaci di scrivere, vestiti, al cospetto di Enki che si bea della loro presenza. Nel frattempo nella scena son presenti vari razzi che sfrecciano nei cieli, e i vagoni da trasporto minerali che continuano la loro corsa, segno che le attività minerarie continuavano ad andare avanti… ma non solo, abbiamo dei villaggi e una zigguratt, che indicano la nascita di una semi-civiltà.

Ma cosa succede? I lavoratori si ammutinano! La faccia di Enki é molto comica e rende benissimo la scena… Dunque i lavoratori Anunnaki si avviano verso il luogo dei razzi per tornare al cielo, e il piccone viene passato all’uomo. Infatti i miti babilonesi ci dicono che l’ uomo fu messo a lavorare perché “Gli anunnaki possano tornare in cielo”.

Dopo altri 1000 anni (altro periodo forfettario) succede qualcosa: la civiltà si é sviluppata, é nata l’ arte (la donna che suona un tamburello) e la popolazione si sta moltiplicando… Enki è beato sul suo trono, ma da Nibiru arriva una astronave (il disco alato). Gli dei che stanno nel cielo, rappresentati dall’occhio nel disco alato, comunicano che Nibiru si sta avvicinando al sistema solare (compaiono infatti due frecce che ne indicano la distanza): alcune delle donne sono sbigottite, una è allegra, segno che l’ arrivo di Nibiru era visto con gioia e atteso con ansia… ma Enki invece è allarmato.

Sale sulla sua navicella, vola nello spazio e in sua assenza gli uomini smettono di lavorare e si moltiplicano (si vede un uomo che danza con una donna e la bacia stringendola). Enki assiste dallo spazio alle interazioni elettromagnetiche di Nibiru e della Terra: è un pessimo segno, ed Enki cerca di trattenere Nibiru lontano dalla Terra. Non riuscendoci, torna sul pianeta dove trova l’ uomo (Ziusudra) con la sua donna e gli ordina di salire in un ‘sottomarino’. Nel frattempo infatti le acque stanno salendo di livello… gli uomini vi salgono ed Enki torna al cielo per assistere all’imminente catastrofe.

Al minuto 3:00 viene infatti mostrata la calotta del Polo Sud che si distacca e produce onde di marea altissima che spazzano tutto, ma dal minuto 3:22 Nibiru si allontana e la terraferma riprende ad affiorare finalmente.

L’ umanità è salva!

Il video si chiude con un Enki piangente che, a sorpresa, riceve la visita di uno Shuttle.

L’umanità ha trovato la sua strada ed è riuscita a congiungersi con i suoi creatori.